Grappa Prete

Brandy

La qualita' delle materie prime

Il vino è prodotto da uve bianche italiane del Lazio, Toscana, Puglia ed è acquistato da fornitori e viene selezionato in base ai seguenti principi:

  • Il vino è stato prodotto ed acquisito entro 30 giorni dalla vendemmia;
  • La vinificazione è avvenuta in fermentini d’acciaio o in legno o in terracotta con il metodo del cappello sommerso;
  • In tutto il processo di vinificazione non sono state effettuate aggiunte di zuccheri, alcol, mosto cotto, chiarificante (albumina, gelatina, caseina, bentonite, ecc.), estratto vegetale (tannini), stabilizzante;
  • Il vino ha una gradazione alcolica massima di 13%.

 

Le vinacce sono i sottoprodotti della vinificazione prodotte dalla vinificazione di uve rosse ed italiane del Lazio, Toscana, Puglia.

Sono acquisite subito dopo la fermentazione che deve avvenire in fermentini d’acciaio, legno, o giare con il metodo del cappello sommerso e successiva spremitura.

Le vinacce fermentate vengono selezionate in base ai seguenti principi:

  • Hanno un tenore alcolico nei limiti di legge;
  • Devono essere deraspate, spremute e non soggette ad eccessiva sovrapressione
  • Hanno tenore, in peso, di sostanza secca maggiore o uguale al 40%;
  • Devono essere conservate ad una temperatura di 15-18 °C, minimizzando il contatto con l’aria;
  • Devono pervenire alla distilleria subito dopo la spremitura;
  • Le vinacce fermentate, vengono stoccate in sacchi di plastica alimentare sotto vuoto e distillate entro tre mesi dal loro arrivo in distilleria.

 

Qualita’ dei contenitori per la stabilizzazione/affinamento:

  • Per la stabilizzazione della grappa e del brandy saranno utilizzate damigiane di vetro o serbatoi in acciaio;
  • Per l’affinamento della grappa o del brandy saranno utilizzate botti di legno di quercia francese (legni centenari, di altissimo pregio).
  • I legni saranno stagionati per almeno 24 mesi sotto ogni tipo di intemperie proprio come di faceva una volta.